Hacking

#1 Hacking Life: Dumpster Diving

Non avevo ancora accennato niente, ho voluto mantenere il riservo più assoluto su questa rubrica, ma finalmente è arrivato il giorno in cui ho deciso di iniziare a pubblicare una serie di articoli riguardante l’Hacking. Si tratta di un rubrica intitolata “Hacking Life” e che non sarà strettamente legata al mondo dell’informatica, ma a tutte quelle tecniche utilizzate dagli Hacker per compiere un’attacco.

Si parlerà di ingegneria sociale, tailgating, shoulder surfing e di tante altre tecniche che sopratutto in Italia sono poche conosciute, ma che scommetto fin da subito che saranno subito prese d’interesse da moltissimi utenti. A sottolineare che tale rubrica non sarà semplicemente legata al mondo dei computers ho deciso di iniziare con un argomento un pò particolare, un pò sporco… Il Dumpster Diving, tradotto alla lettera “Immergersi nei cassonetti”. Questa e tutte le tecniche trattate inizialmente in questa rubrica sono dette tecniche di “Hacking non tecnologico”, poichè non prevedono l’utilizzo di apparecchiature informatiche o ne richiedono l’uso solo in minima parte.


Come ho accennato poche righe precedenti oggi parleremo del Dumpster Diving, una tecnica largamente utilizzata per scoprire i segreti di una società o di un privato semplicemente andando a rovistare nella loro spazzatura dopo una giornata lavorativa. Tale azione può sembrare molto banale, ma prima di affermare ciò vi consiglio di guardare bene la foto qui sopra pubblicata ed anche quella inserita appena qui sotto.

Avete capito di cosa si tratta? Sono dei documenti ufficiali di alcune aziende e privati (quello qui sopra scritto in lingua italiana) buttati tranquillamente all’interno dei cestini, senza prima aver provveduto al taglio degli stessi. Pensate a quanti dati possono contenere tali documenti. Password, azioni legali, informazioni bancarie, estratti conti, etc…

Fortunatamente per tutelarsi da questo problema basta acquistare una di quelle macchine che permettono di tagliare finemente tutti i documenti (frantumatori) e che ormai possono essere trovati anche al supermercato a cifre che si aggiornano al di sotto di 100 Euro. Ovviamente nel caso in cui si debbano proteggere dei documenti assai riservati è necessario l’utilizzo di una straccia-documenti professionale, con taglio fino a 1×5 mm, misura utilizzata per tagliare i documenti riservati del Governo Usa.

Lascia un commento

8 commenti

Prima di continuare, guarda qui!

Hai trovato quello che stavi cercando?
Rimaniamo in contatto, potresti imparare molte cose!

Grazie!

Sono sicuro che insieme potremmo fare molte cose!

FERMO! Prima di uscire, guarda qui!

Hai trovato quello che stavi cercando?
Rimaniamo in contatto, potresti imparare molte cose!

Grazie!

Sono sicuro che insieme potremmo fare molte cose!