Varie

FBI chiude SilkRoad ed arresta il fondatore. Ecco come è stato rintracciato, il documento ufficiale e le prime foto

Veniva definito da molti come l’Amazon dell’illegalità il famoso portale del Deep Web SilkRoad di cui vi ho parlato diverse volte, mostrandovi anche come vi era possibile entrare in pochi minuti grazie al software Tor, che oggi è stato chiuso da parte dell’FBI con conseguente arresto di Ross William Ulbricht, probabile fondatore dell’ecommerce illegale.

L’uomo, di 29 anni, è stato arrestato a San Francisco questo Martedì. Laureato in Ingegneria Chimica era conosciuto su Internet come “Dread Pirate Roberts” e la sua vera identità è stata compromessa quando, entrato in confidenza con un agente dell’FBI sotto copertura, ha pagato quest’ultimo 80.000$ per torturare ed uccidere un suo vecchio “dipendente” scappato con un’ingente somma di denaro raccolta tramite la vendita di sostanze stupefacenti tramite SilkRoad.

Messa in scena l’esecuzione l’uomo è stato poi rintracciato ed arrestato. Le prime foto di Ross William Ulbricht stanno già circolando in Rete ed il documento ufficiale sull’arresto è stato reso liberamente disponibile e che qui sotto vi propongo.

Premi per aprire il documento ufficiale di 39 pagine

L’FBI a partire dalla fine del 2012 ha effettuato oltre 100 ordini differenti sul portale SilkRoad ed al momento ha avuto accesso a tutti i dati dei 90.000 utenti iscritti.
Effetto immediato della chiusura di SilkRoad è stato il crollo del valore dei BitCoin, moneta utilizzata all’interno del portale per effettuare i pagamenti anonimi della merce.

Lascia un commento

7 commenti

  • Cavolo che brutta notizia, non tanto per il creatore, ma proprio per l’insieme di cose, dalla chiusura al calo dei bitcoin …

    Ma che gli passava in testa? pagare un tizio, per far torturare ed uccidere un suo vecchio dipendente? E’ un pazzo comunque

  • Ciao Luca. Seguo sempre il tuo blog e ovviamente avevo già letto l’articolo su come accedere a Silk Road. Ho visitato il sito, ma ovviamente non ho comprato nulla, era solo per curiosità. Ora leggendo il tuo articolo c’è scritto “L’FBI a partire dalla fine del 2012 ha effettuato oltre 100 ordini differenti sul portale SilkRoad ed al momento ha avuto accesso a tutti i dati dei 90.000 utenti iscritti.”. Avendo visitato il sito mi sono iscritto, senza fornire email o nominativi. La mia domanda è: visto che l’FBI ha ottenuto i dati di accesso di tutti e 90.000 gli utenti, potrebbero rintracciare il mio IP ? Questo potrebbe avere ripercussioni su di me? So che l’FBI non ha potere in Italia, ma sono comunque preoccupato ;D
    (P.s: Sono entrato nel sito da rete TOR)

    • Sono nella tua stessa situazione, ma stai tranquillo che non avendo preso nulla non ci prenderanno nemmeno in considerazione. D’altronde, la nostra era pura e semplice curiosità 😉

    • Ciao a tutti ragazzi,
      Al di là del fatto che al momento non sappiamo di preciso se, come e quanto le forze dell’ordine di tutto il mondo riescano a controllare la rete Tor, che di per sè è comunque uno strumento che garantisce un livello di anonimato altissimo, potete stare certi che nel caso in cui non vi siano state compravendite all’interno di SilkRoad non sussiste alcun tipo di reato.

Prima di continuare, guarda qui!

Hai trovato quello che stavi cercando?
Rimaniamo in contatto, potresti imparare molte cose!

Grazie!

Sono sicuro che insieme potremmo fare molte cose!

FERMO! Prima di uscire, guarda qui!

Hai trovato quello che stavi cercando?
Rimaniamo in contatto, potresti imparare molte cose!

Grazie!

Sono sicuro che insieme potremmo fare molte cose!