Tecnologia Varie

Power Bank per smartphone… fate attenzione!

Chi di voi non utilizza una batteria di emergenza per smartphone (power bank) alzi la mano. Ok. Immagino che siano davvero poche le braccia alzate. Oggigiorno, infatti, una delle più grandi sfide tecnologiche è quella di trovare una soluzione al rapido consumo di energia da parte degli onnipresenti smartphone. La soluzione migliore è quella di un power bank: spesso abbastanza piccoli da permetterci di arrivare a fine giornata e di poter stare tranquillamente in una tasca dei pantaloni o in una borsa.Risparmiare su questo dispositivo significa, però, rischiare di rovinare il proprio smartphone o di ritrovarsi tra le mani un power bank con una capacità assai inferiore rispetto a quella dichiarata sulla confezione. Non è infatti un caso raro di ritrovarsi con una batteria di emergenza che si scarica molto prima del dovuto, nonostante i 15.000/20.000/30.000 mAh garantiti. Come mai accade?
In molti casi questo è del tutto normale: una parte della carica si perde infatti in dissipazione di calore, nella resistenza che il cavo, il connettore e gli altri componenti elettronici possiedono per natura. In altri casi, però, si cade in delle vere e proprie truffe, come quella mostrata nel video che ho realizzato e che qui sotto vi propongo.

I battery pack, infatti, non sempre contengono solamente delle batterie ricaricabili, ma, in alcuni casi, il contenuto del prodotto rivela qualcos’altro che non ha proprio niente a che vedere con l’elettronica.
Come poter verificare quanto appena detto e mostrato in video? Se volete divertirvi, la cosa che potete fare è acquistare uno dei tester mostrati anche all’interno del filmato, sono facilmente disponibili su Amazon a circa 10€. Se poi avete tempo e voglia da dedicare a questo esperimento, ed i vostri presentimenti sono abbastanza forti, potete ripetere l’esperimento, facendo sempre attenzione!

Il consiglio che vi posso dare è: non risparmiate su prodotti che utilizzate quotidianamente. Un buon battery pack può durare diversi anni con un utilizzo quasi giornaliero. Ha davvero senso rischiare di rovinare uno smartphone di alto livello o di cadere in un “pacco” per poche decine di Euro di differenza?

Rispondi a Maurizio Nannini X

4 commenti

  • Salve, della zavorra con sabbia non avrei mai pensato, pazzesco serve solo da inganno commerciale, per i dichiarati 10…20….30.000 mA niente da dire è pura truffa informatica, tali correnti non si trovano al momento nelle batterie normali, sono ottenibili da batterie es. li-po ma come picco per pochi secondi e non con cavetti e connettori usb, in rete troverete tutto in forma completa.

  • ma gli ampere letti quando ha attaccato il telefono non sono altro che l’assorbimento.
    io ne ho preso uno da aliexpress dove dici di non comprare e va veramente bene. le fregature le trovi anche su amazon non ti preoccupare…. e cmq cosa consigli?

    • Ciao Michele,
      non ho detto che tutto ciò che trovi su Aliexpress/Alibaba sono fregature, ma sicuramente è il marketplace dove è più facile cascare in queste fregature. Anche su Amazon è facile trovare queste cose, in quanto il 90% dei prodotti che trovi sono in vendita mediante Amazon FBA e l’importazione avviene proprio da questi marketplace. Il punto è che su Amazon è più facile capire chi pone in essere questi inganni, grazie al sistema di recensioni.

      Come consigli, sempre indicati all’interno del video, mi sento di raccomandare Aukey ed Aker.

      Saluti,
      Luca Mercatanti

Prima di continuare, guarda qui!

Hai trovato quello che stavi cercando?
Rimaniamo in contatto, potresti imparare molte cose!

Grazie!

Sono sicuro che insieme potremmo fare molte cose!

FERMO! Prima di uscire, guarda qui!

Hai trovato quello che stavi cercando?
Rimaniamo in contatto, potresti imparare molte cose!

Grazie!

Sono sicuro che insieme potremmo fare molte cose!